Treccia danese in cucina toscana!

Buongiorno! Com’è stato il vostro risveglio nel lunedì mattina? Parliamo d’altro… meglio eh? 🙂

Sono appena passati due giorni di caldo abbastanza allucinante e ringrazio sempre più il fatto di avere due forni, uno in casa ed uno nella zona del forno a legna, dove c’è una piccola cucina per non ingombrare o riscaldare la cucina di casa…

Avevo già visto la ricetta della treccia in molti blog di voi “colleghe”, ma mai avevo osato provato a fare. Perchè? Perchè l’impastare è ancora un’azione che mi preoccupa… Direte “tu non sei normale”, ma sentire le dita appiccicose e piene di pasta mi fa un pò di senso…o magari è solo il pensiero perchè poi non ci penso più…. insomma mi agito!!

Quindi sabato ho preso la ricetta della Parodi ed ho creato la mia treccia danese, alla quale ho aggiunto la marmellata di arance amare e non di lamponi perchè avevo paura che fosse troppo dolce… e in effetti…. forse era meglio un’altra marmellata.. non è male, ma mi sono resa conto che non è la marmellata ideale… vabbè, tanto nello stomaco c’è buio! 🙂

INGREDIENTI:

– 1/2 panetto di lievito

– 125 ml di latte

– 60 gr di burro

– 50 gr di zucchero

– 1/2 uovo

– scorza di arancia qb ( io ho messo di limone perchè l’arancia non ce l’avevo

– 325 gr di farina

– 1 barattolo di marmellata

– zucchero di canna q.b.

– 1/2 uovo per spennellare

Iniziate stemperando il lievito nel latte, unite il burro fuso, lo zucchero, mezzo uovo, la scorza di limone e la farina. Impastare per circa 10 minuti. Formate un panetto e lasciare lievitare coperto un’ora.

Stendete l’impasto con il mattarello sopra alla carta forno. Con uno stampo da plumcake disegnate una forma rettangolare al centro della pasta, poi incidere a striscioline oblique sulla pasta ai lati. Mettete la marmellata e le mandorle nel rettangolo in mezzo, poi richiudete le parti in cima e in basso sopra la marmellata e prendete le striscioline di pasta formando delle trecce.

Spennellate con l’uovo e spolverizzare con zucchero di canna. Infornare per 30 minuti circa a 180 gradi e …buon appetito!

foto-10 foto-11 foto-12 foto-15

foto-13

foto (14) foto (15) foto (16)

Con questa ricetta partecipo al contest “Breakfast time” di L’incapace in cucina

 e al contest ” Ricette sotto l’ombrellone” dei blog Peccati di gola e Le nostre ricette di casa categoria DOLCI971943_10201033081899121_286409419_n

e partecipo alla raccolta Panissimo di Sandra e di Barbara

 

27 comments

  1. Buona!!
    A me piacerebbe anche con la marmellata di arance, si, forse non è molto dolce e nemmeno la treccia lo è, ma a me piacciono i dolci poco dolci!!
    Sembra mica un commento da una che ha preso un’insolazione?????
    Ciaoooo!!!

    1. Ahahahahah tu mi fai schiantare dal ridere !!!! Comunque pure a me dolci poco dolci ??

  2. che golosa *.* complimenti! mi piacciono molto le trecce anche quelle rustiche! grazie per aver partecipato 🙂 se non l’avessi fatto invia la ricetta anche a Rossana: http://blog.giallozafferano.it/ricettedirossana/elenco-ricette-del-contest-ricette-sotto-lombrellone/ e corri a farti votare siamo ormai alla fine 🙂 buona fortuna!

    1. No… Non l’io fatto … Corroooo!!

  3. buonasera amica! 🙂
    il mio risveglio è statao teemendo e traumatico dopo 2 giorni di scorci meravigliosi!!!!!
    ma che bella visione qui da te! 🙂
    un bacione

    1. Buonasera amica!
      hai visitato un bel posto? beata te!!
      grasssie 🙂
      un bacione!

  4. ciao
    finalmente boccheggiamo… e anche se si accende il forno, fa niente!!! se dopo si possono gustare queste bontà!!! buona serata

    1. Sì sì ti do perfettamente ragione .. Va bene così e se sudare porta a questo , ben venga 🙂
      Ciao cara , buona serata a te!

  5. Ciao, deliziosa questa treccia, l’ho inserita nel contest
    Grazie per aver partecipato!
    Vale

  6. anche io vorrei tanto un forno fuori dalla mia cucina…almeno nn morirei di caldo ogni volta che ho voglia di fare un dolce.
    in bocca al lupo per il contest.
    a presto Nahomi

    1. ti capisco , ti capisco…!!
      crepi il lupo…e se hai voglia di partecipare, sei la benvenuta!
      ciao cara,a presto!

  7. splendida questa treccia!!!! impastare ti viene proprio bene!

  8. Che splendore.. a quest’ora vedere un dolce del genere promette davvero ‘dolci’ sogni 🙂 Complimenti, sarà bellissimo seguirti cara! Un abbraccio e una notte stupenda! 🙂

    1. Grazieee! ma quanto sei carina 🙂
      Un abbraccio a te e…buongiorno! 🙂

  9. […] Buongiorno! Com’è stato il vostro risveglio nel lunedì mattina? Parliamo d’altro… meglio eh? Sono appena passati due giorni di caldo abbastanza allucinante e ringrazio sempre più il fatto di avere due forni, uno in casa ed uno nella zona del … Continua a leggere→ […]

  10. una meraviglia questa treccia a presto

    1. Grazie mille!!! 😉
      A presto!

  11. wow, che meraviglia! dev’essere pure delizioso!

    1. è più per una colazione, ma si è fatto mangiare bene anche dopo pranzo o cena 🙂

  12. Ciao! Complimenti per il blog, e questa treccia danese è fantastica!! Ti volevo invitare a partecipare al giveaway che ho organizzato, passa a dare un’occhiata!A presto Camilla dolci creazioni http://camilladolcicreazioni.blogspot.it/2013/07/1-giveaway-e-fconticreations.html

    1. Grazie milleeeee 🙂
      Passerò a dare un’occhiata , mentre se tu vuoi partecipare al mio contest, sei la benvenuta! 🙂
      A presto!
      Vale.

  13. meno male che impastare ti preoccupa, visti i risultati direi che è una preoccupazione inutile! bellissima la treccia, ne assaggerei volentiri una fettina magari seduta con te a chiaccherare in giardino! ti ringrazio per la ricetta, la prossima la puoi inserire direttamente nella griglia sotto al post che così siamo sicuri che non la perdiamo!!!
    a questo link
    http://sonoiosandra.blogspot.it/2013/07/panissimo-6-al-via-la-raccolta-di.html
    baci
    Sandra

    1. Grazie mille per i complimenti 🙂
      … Per le chiacchiere si può organizzare 🙂
      …alla prossima!!!
      Ciauuuuuuuu !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *